Gli otto secoli della storia dei domenicani appaiono tutt’altro che lineari. Nell’Ordine convivono personaggi e vicende quasi contrapposti: si pensi all’impegno costante a favore dei natici americani di Bartolomé de Las Casas e dei suoi confratelli fra le Indie e Salamanca, e d’altro canto al ruolo dei domenicani nelle nuove forme dell’Inquisizione, o delle diverse interpretazioni della figura e dell’opera di Tommaso d’Aquino. Il libro, a ottocento anni della fondazione dell’Ordine, ricostruisce il complesso percorso dei domenicani: dallo sviluppo storico alle istituzioni, dalla predicazione alle figure chiave come Domenico di Caleruega e Caterina da Siena, per arrivare ai protagonisti più vicini nel tempo come Giuseppe Girotti morto a Dachau, e Pierre Claverie, vescovo ucciso in Algeria.